logo design
design
gennaio 10, 2018 - Alias

Alias @ IMM Cologne 2018

Innovazione, tecnologia e leggerezza, raccontano il mondo #alias a IMM 2018.

In scena a Colonia, dal 15 al 21 gennaio, con le novità di prodotto per la casa e il contract

Una struttura autoportante, modulare, leggera e completamente smontabile raccoglie il mondo #alias e racconta lo spirito che da sempre anima l’azienda. Il brand di #design made in Italy, infatti, ha costruito la propria storia nell’equilibrio perfetto fra sperimentazione tecnologica e stile, fra ricerca architettonica applicata agli elementi d’arredo e soluzioni estetiche, coerenti con le tendenze dell’abitare contemporaneo. 

A Imm 2018, la fiera internazionale del #design in scena a Colonia, dal 15 al 21 gennaio, #alias ripropone il progetto dello stand espositivo firmato dagli architetti Renato Stauffacher e Andrea Sanguineti, brand manager dell’azienda. Un elemento strutturale che accompagna #alias in ogni manifestazione fieristica e, ogni volta, viene riadattato allo spazio grazie a un concept componibile ed ecosostenibile, che supera il concetto dello stand usa e getta. 

Un luogo temporaneo, progettato come se fosse un prodotto di collezione, che riflette la vocazione tecnologica di #alias: un’architettura realizzata con soluzioni d’avanguardia che, facendosi portavoce di un messaggio etico, rientra nelle strategie di comunicazione dell’azienda. Così, #alias condivide in maniera concreta con gli appassionati del brand e i professionisti dell’interior #design i suoi valori più profondi.  

Realizzato da TensoForma, l’impianto reticolare unisce solidità strutturale e leggerezza visiva, diventando un supporto su cui inserire, di volta in volta, sistemi di illuminazione, dettagli d’arredo e pannelli che dividono gli spazi o li chiudono a seconda delle esigenze. In occasione di Imm 2018, per esempio, #alias ha puntato su elementi traslucidi che, a seconda dei punti di vista, appaiono trasparenti o completamente opachi. L’estetica dello stand è affidata così all’essenza dei materiali che lo definiscono e alla modalità con cui vengono accostati fra di loro.

In uno schema compositivo flessibile va in scena l’esperienza dell’abitare di #alias. Un loft concettuale di 140 metri quadrati accoglie le collezioni dell’azienda offrendo una fruibilità reale di ogni pezzo, in un percorso libero che consente ai visitatori di soddisfare personali esigenza e curiosità. I progetti, firmati dai designer più acclamati del panorama internazionale trovano spazio anche in una serie di scaffalature, presentate come una vera e propria libreria di prodotti. 

Lo styling dell’allestimento è essenziale e suggerisce attraverso alcuni elementi astratti l’esperienza cromatica e materica del brand, che va ad arricchire la narrazione dei prodotti, senza necessariamente dover proporre uno spazio domestico reale. Il layout espositivo racconta il percorso di ricerca e sperimentazione che ha caratterizzato negli anni #alias, portando allo sviluppo delle molte collezioni che rivelano l’incontro fra innovazione, tecnologia e leggerezza.

Lo spazio di #alias invita all’esplorazione e alla sperimentazione: una grande area living vede protagonisti il divano okome contract di Nendo, proposto anche nella versione più raccolta, la poltrona twelve di PearsonLloyd e il tavolo zero di Ron Gilad. Di fronte, le sedute slim lounge low ed eleven high back di PearsonLloyd e gran kobi di Patrick Norguet. E ancora, il tavolo hiwood di Gabriele e Oscar Buratti, presentato con le sedute twig, nella variante comfort, e la meetingframe 52 di Alberto Meda nella versione soft.

Protagonista della zona notte è okome bed, il nuovo letto disegnato da Nendo che riprende le forme morbide della collezione e rende omaggio alla perfezione dei ciottoli levigati dall’acqua. Attraverso le due novità firmate dallo studio Nendo, #alias entra concretamente nell’ambito soft seating, dimostrando di saper rispondere in maniera sempre più efficace alle richieste del contract e del domestico. Un’area più intima è dedicata all’home office con il tavolo frametable che si presenta con il piano in marmo; la seduta slim conference, lapoltrona e il pouf della collezione di PearsonLloydcompletano lo spazio. Infine, le librerie a soffitto aline di Dante Bonuccelli suddividono gli ambienti dello stand.

Filtro avanzato