logo design
design
aprile 16, 2018 - Lema

Lema al Salone Internazionale del Mobile 2018

Ricercata eleganza contemporanea e inediti materiali per le nuove proposte firmate Lema



Forte di un 2017 che ha registrato una significativa crescita a livello internazionale sia nel retail sia nel contract, #lema presenta al #salonedelmobile 2018 un numero importante di prodotti a testimoniare il vigore di una realtà sempre più cosmopolita, dalla forte identità progettuale.

L’edizione 2018 segna rilevanti novità anche per quanto riguarda i sistemi modulari, da sempre core business di #lema: numerosi gli aggiornamenti estetici e funzionali per il sistema giorno SELECTA di Officinadesign #lema e il programma Armadio al Centimetro. Altra importante anteprima è la cabina armadio ATRIUM di Piero Lissoni.



Il raffinato linguaggio di #lema definisce nuove proposte capaci però di svelare attraverso i loro codici concettuali un nuovo corso dove il marchio, pur fedele al suo tratto discreto, sceglie uno stile più audace:

le proposte 2018 sono caratterizzate infatti da un twist inedito,espresso nell’armonico incontro tra ricercati materiali dalle intense cromie ele forme a tratti minimaliste, a tratti importanti nei volumi.

Audacia che si riflette anche nella scelta dei designer che insieme all’inconfondibile tratto di Piero Lissoni, art director del marchio dal 1994, danno vita a nuove storie di affinità e influenze cosmopolite:

dal sofisticato David Lopez Quincoces con il tavolo ALAMO, l’easy-chair ALTON e la cassettiera a isola AREIA a Chiara Andreatti, designer emergente dalla forte sensibilità, oggi tra le più apprezzate, alla sua prima collaborazione con il brand per cui ha disegnato la lounge chair TAIKI e il tavolo BULÉ.

Si confermano inoltre le longeve collaborazioni con Gordon Guillaumier e Francesco Rota che proprio grazie alla lunga esperienza con #lema riescono a darne nuove intense interpretazioni: Guillaumier con FAROE, inedito progetto ibrido di sedute e contenitori e la poltrona FANTINO; Rota con il divano componibile WARP, nuova indagine sugli imbottiti, segmento dove l’azienda sta riscuotendo grande successo anche grazie alle proposte del designer milanese che per #lema ha firmato a partire dal 2013 altre quattro collezioni.

Intensi racconti progettuali, ricchi di dettagli che mettono in risalto quel lusso solo sussurrato, mai ostentato, peculiarità del marchio, oggi tra i top player del settore, ambasciatore del Made in Italy nel mondo, noto proprio per l’elevato rigore progettuale e il discreto senso estetico.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare