logo design
design
settembre 14, 2021 - Cersaie

Cersaie 2021 apre lunedì 27 settembre al Palazzo dei Congressi con il convegno: “Sostenibilità, transizione energetica e competizione internazionale per il nostro Made in Italy"

Il convegno inaugurale della trentottesima edizione del Salone Internazionale della #ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno, in programma lunedì 27 settembre alle ore 11.00 all’Europauditorium del Palazzo dei Congressi di #Bologna, ha come titolo "Sostenibilità, transizione energetica e competizione internazionale per il nostro Made in Italy”. L’incontro, introdotto dai saluti del presidente di BolognaFiere Gianpiero Calzolari, vede sul palco il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il presidente di UniCredit Pier Carlo Padoan ed il presidente di Confindustria #ceramica Giovanni Savorani. Modera l’incontro la giornalista Maria Latella.

Le aziende produttrici di piastrelle di #ceramica Italiane rappresentano un'eccellenza internazionale e si distinguono per i loro alti livelli di efficienza, #innovazione tecnologica e attenzione alla #sostenibilità. E' una industria che esporta l'85% della produzione nazionale in tutto il mondo e rappresenta, anche in termini di tendenze estetiche, il riferimento a livello internazionale. Queste imprese hanno realizzato negli ultimi cinque anni investimenti pari a 2 miliardi di euro per sviluppare e digitalizzare i propri impianti. Sono impegnate in un percorso di decarbonizzazione che necessita di tecnologie e combustibili oggi non disponibili, richiedendo un adeguato orizzonte temporale. In questo quadro l’UE Emissions Trading System (ETS) e il ruolo assunto in esso dalla speculazione finanziaria determinano per il settore gravi effetti recessivi, erodendo la capacità di investimento delle imprese e compromettendone la competitività internazionale, mettendo a rischio di fallimento l’obiettivo di riduzione delle emissioni.

“Come cittadini e come imprenditori caldeggiamo vivamente l’ipotesi di decarbonizzare le diverse attività umane. L’obiettivo per tutti deve essere la riduzione drastica delle emissioni di CO2 al fine di salvaguardare la vita delle prossime generazioni sulla terra – dichiara Giovanni Savorani, Presidente di Confindustria #ceramica. Per ottenere questo risultato non servono le ideologie, bensì le competenze e la scienza. Come associazione di imprenditori della #ceramica abbiamo promosso una filiera che include le imprese della tecnologia e della produzione, le università del territorio e la Regione Emilia Romagna con i suoi enti di ricerca per progettare una transizione energetica che riduca le emissioni di CO2 senza perdere lavoro, mantenendo equilibri nei tempi e nei costi della transizione energetica. La speculazione finanziaria, che adesso sta agendo, non riduce le emissioni di CO2, bensì farà perdere tanti posti di lavoro in #Italia e in Europa, portando il lavoro del manifatturiero in paesi che non si pongono minimamente il problema delle emissioni”.

News correlate

settembre 27, 2021
settembre 27, 2021
settembre 27, 2021

Il #design dell’arredobagno ha il profumo di donna. Gocce di #design che hanno caratterizzato l’ultimo secolo della storia del pro...

Ispirata ad un’accurata selezione di pietre naturali, la nuova collezione in gres porcellanato Stile, riproduce l’elegante essenza...

27 settembre - 01 ottobre | Bologna Contract Hall, padiglione 18Torino, 27 settembre, 2021 – Pininfarina Architecture presenta “th...